MASTRO SANTI DEL SERE
RESTAURATORE EBANISTA
ANGHIARI

CORSI INTARSIO E RESTAURO MOBILE ANTICO ---

FILMATO DELLO STUDIOLO

TARSI appunti di bottega sull'arte dell'intarsio --Contatti

 

Dopo tre anni di lavoro, sono quasi arrivato alla conclusione del mio studiolo intarsiato.
Mi manca solamente la porta di ingresso, chiaramente intarsiata, che racchiuderà questo piccolo ambiente intimo, che arreda la mia bottega, dove lavoro in Anghiari. Qualcuno si domanderà il perchè, proprio in questo piccolo paese, un artigiano si è dilettato nell'arte dell'intarsio rinascimentale, creando un angolo fatto di mosaici a commesso in legno, che se ne possono contare soli tre esemplari dei più noti studioli intarsiati quattrocenteschi Federiciani. La storia viene da molto lontano e l'ho già scritta nel mio libro dedicato alla tarsia "Tarsi "
Come ho già scritto, questo studiolo riguarda le mie passioni, i miei strumenti di lavoro, citazioni sulla filosofia legata al paradosso e alla metafisica propria di quest'arte. questo lavoro rimane comunque una cosa intima, non vuole scimmiottare i più famosi studioli rinascimentali. Non nascondo che sarebbe bello, che qualche committente facoltoso gli piacerebbe contornarsi, dove vive, di uno spazio suo e personale, forse sono un utopista ma a me piace sognare.

In questa parete ci sono raffigurati, gli utensili comuni da lavoro di un intarsiatore e intagliatore del legno. Anche l' allegoria, che rappresenta una della virtù cardinali, della fortezza ripresa da un opera di De Chirico, ferrarese. Nel mezzo della pannellatura si ritrova la lunetta con lo specchio che riflette, con l'altro specchio posizionato di fronte, il gioco dell'immagine riflessa all'infinito.
Nella paretina di fondo una veduta di Anghiari, dove sono posizionati gli ultimi due solidi platonici il teatraedo e l'ottaedro.

Nell'ultimo pannello ci sono raffigurati i materiali che si usano per la finitura e la lucidatura del legno, gli strumenti per la doratura per la pittura e modellazione.
Infine viene rappresentata, con la bilancia, l'ultima virtù cardinale la giustizia. La bilancia ha un duplice significato, visto che viene usata anche per dosare giustamente colle e colori .

Anche qualche meccanismo moderno, che aziona il sollevamento dello schermo per il computer, è stato adottato per nascondere, mimetizzandolo tra gli intarsi geometrici, l'odioso monitor, che al bisogno si solleva dal tavolo di lavoro

Non poteva mancare l'angolo stampante rinchiusa ma funzionante dentro il mobile.

A lato progetto della porta intarsiata, che rifinirà questo piccolo ambiente di 220 cm di larghezza per 300 cm di lunghezza e alto 250 cm per quanto riguarda i mobili intarsiati.

Per finire non poteva mancare il soffitto intarsiato ispirato al grande artefice del paradosso Escher posizionato ad una altezza di 350 cm. qui sotto riprodotto.
 

SEGUE LAVORAZIONE WORK IN PROGRESS

HOME PAGE -------Corsi intarsio ------Contatti

BLOG appunti di bottega sulla tarsia
BLOG Mastro Santi
PAGINA INIZIALE